Non abbiamo mai visto Intel lottare in questo modo

La scorsa settimana, Intel lo ha annunciato ritarderebbe il suo nodo di processo a 7 nm almeno sei mesi. Secondo il CEO dell'azienda Bob Swan, il nodo è indietro di almeno 12 mesi rispetto alle roadmap interne di Intel. A breve termine, ciò significa ritardi del prodotto e probabilmente qualche hardware aggiornato a 10 nm al posto di nuove apparecchiature a 7 nm. A lungo termine, i potenziali risultati vanno da 'Intel riacquista la leadership di processo' a 'Intel diventa un'azienda favolosa'. Non c'è molta pressione lì.

La situazione attuale di Intel è storicamente senza precedenti per il gigante produttore di CPU. Sebbene Intel abbia distribuito volumi di silicio per laptop commerciali da 10 nm a partire da circa 12 mesi fa, la società deve ancora trasferire i propri desktop o server al nuovo nodo. I volumi di produzione dei server Ice Lake dovrebbero iniziare a essere distribuiti alla fine del 2020, con le prime CPU desktop a 10 nm programmate per la seconda metà del 2021. Intel ha impiegato circa cinque anni per passare da Broadwell a 14 nm a Ice Lake (mobile), 5-5,5 anni per Xeon a seconda dei modelli lanciati per primi e sei anni per il desktop. Rocket Lake potrebbe offrire una nuova architettura in 14nm, ma Alder Lake sarà il primo nuovo nodo.

Sebbene i problemi di transizione di Intel a 14 nm abbiano occupato la maggior parte dei pollici di colonna, non sono gli unici venti contrari che l'azienda sta attualmente affrontando. Due anni fa, ho scritto una storia intitolata 'Intel è a un bivio, 'Discutendo sia dei problemi di produzione dell'azienda sia delle scommesse che stava facendo in campi come l'IA e il 5G. Due anni dopo, alcune di queste scommesse sono fallite o devono ancora essere pagate.



Il business 5G di Intel è diventato molto più ristretto dopo che la società ha venduto il suo IP modem ad Apple. La prossima piattaforma Movidius di Intel, Keem Bay, che secondo quanto riferito offre efficienze molto più elevate rispetto alle parti concorrenti di Nvidia, presumibilmente integra una CPU Cortex-A53 piuttosto che una parte Intel x86. A gennaio, Intel ha annunciato che stava terminando il suo investimento in Nervana e spostando i suoi piani di prodotto su IP creato dalla rivale Habana Labs.

Ponte Vecchio, che avrebbe dovuto essere il primo chip a 7 nm di Intel e dovrebbe debuttare all'inizio del 2021, è stato spinto a fine 2021 / inizio 2022. Immediatamente dopo aver notificato agli investitori che Ponte Vecchio era scivolato, il CEO Bob Swan ha dichiarato: 'Ora ci aspettiamo di vedere i primi spedizioni di produzione del nostro primo prodotto a 7 nanometri basato su Intel, una CPU client alla fine del 2022 o all'inizio del 2023 '. L'implicazione qui è che Ponte Vecchio non viene più costruito su 7nm o che il core della GPU non viene più costruito da Intel. Durante la teleconferenza di Intel, diversi investitori hanno colto il fatto che la società si riferiva a 7nm come 12 mesi di ritardo internamente ma avrebbe dovuto affrontare solo sei mesi di ritardo, e le fonti con cui abbiamo parlato con una certa conoscenza delle roadmap di Intel hanno fatto eco a quelle incertezze. Non c'è molta fiducia nel settore riguardo alla capacità di Intel di raggiungere queste nuove date, non visti gli enormi problemi che l'azienda ha incontrato fino ad oggi.

Il PSG (Programmable Solutions Group) di Intel, che contiene la sua attività FPGA Altera, continua a salire a ~ $ 500 milioni a trimestre - non un piccolo cambiamento, ma ben dietro Xilinx. L'intero concetto di CPU + FPGA sullo stesso pezzo di silicio sembra essere passato in secondo piano rispetto ad altri progressi. Intel ha lanciato uno Xeon con FPGA integrato con Xeon Gold 6138P nel 2018, ma da allora non ha aggiornato lo SKU.

Optane potrebbe avere un potenziale a lungo termine come tecnologia di memoria e la seconda generazione dovrebbe essere più veloce della prima, ma il software esistente spesso deve essere riscritto per sfruttare le caratteristiche di Optane ed è ancora svantaggiato rispetto alla NAND in termini di costo. Foveros e Omni-Directional Interconnect di Intel potrebbero essere scoperte fondamentali per le tecnologie future, ma anche la migliore interconnessione necessita di componenti solidi a cui collegarsi. La decisione di Jim Keller di partire per 'ragioni personali'Non supera davvero il test di annusamento.

Quali rischi Intel

Intel ha una straordinaria abitudine di fare un sacco di soldi quando è nei guai, tecnologicamente parlando. Prescott è stata sia la peggiore CPU Intel mai distribuita sia un record di fatturato quando era nuova, e le vendite complessive del data center e della CPU di Intel sono andate molto bene negli ultimi trimestri. Parte di questa spinta proviene da COVID-19, ma la società stava godendo di una forte domanda anche prima della pandemia. Quelli di voi che sperano che il 2023 sorga su una Intel rotta, implorando un sollievo finanziario da artisti del calibro di AMD o TSMC hanno fatto meglio a mitigare quelle aspettative. Intel continuerà a fare bene per una serie di motivi, tra cui l'eccellenza continua in mercati / carichi di lavoro specifici, familiarità, inerzia, contratti di acquisto pluriennali ed essere la piattaforma di scelta per molti software in circostanze in cui i clienti acquistano le loro applicazioni ufficialmente supportato, Intel continuerà a mantenere ampi segmenti di mercati di workstation, desktop e server.

Se questo fosse il 2012, l'articolo potrebbe finire proprio lì. Senza concorrenti ARM o x86 all'orizzonte, Intel potrebbe cavarsela nei prossimi 3-5 anni, aggiustare i suoi nodi di processo e le sue CPU e tornare in sella senza mai affrontare un serio concorrente. Ma questo non è il 2012 e Intel si trova ad affrontare minacce a tutto lo spettro. Il suo produttore rivale x86, AMD, sta giocando seriamente per la leadership di mercato complessiva. Allo stesso tempo, Intel affronta non solo un concorrente basato su ARM, ma alcuni di loro: Qualcomm e Apple nei laptop e Amazon, Ampere, Nuvia e tutti gli altri prodotti basati su Neoverse nei server. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno a questo punto è che Western Digital annunci un nuovo processore ad alte prestazioni basato su RISC V.

Non sono i rischi a breve termine nel 2021-2022 che dovrebbero tenere svegli gli investitori Intel di notte. È la questione di come si evolverà questa situazione nel 2024, 2025 e oltre. A questo punto, ci sono poche ragioni per credere che Intel avrà 7nm pronto per la spedizione sei mesi dopo il suo obiettivo originale. Il backporting delle funzionalità a 10 nm nei 14 nm di Rocket Lake farà guadagnare tempo a Intel, ma la società ovviamente non può continuare a progettare chip per lo stesso nodo per sempre.

È praticamente certo che tutti questi ritardi si accumulino l'uno nell'altro, perché ci sono alcune finestre critiche di introduzione della tecnologia che devono verificarsi ai confini della transizione dei nodi. EUV deve entrare. Una volta installato, continuare a scalare verso il basso richiederà dispositivi EUV ad alto NA o l'adozione del multi-patterning. In entrambi i casi, queste non sono tecnologie 'spara e dimentica' per Intel: sono tecnologie che devono essere installate e poi scalare verso il basso migliorando allo stesso tempo la resa.

Sarebbe stupido escludere del tutto Intel, data la storia dell'azienda e la lunga esperienza di prestazioni comprovate, ma sarebbe altrettanto stupido fingere che tutto stia andando bene per il gigante del silicio. Rispetto le mie stime della scorsa settimana: Intel ha 2-3 anni per dimostrare un'inversione di tendenza fondamentale, o gli investitori inizieranno a sollevare serie domande sul suo futuro come IDM.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | 2007es.com